auto-ibride-o-plug-in

Full hybrid o Plug in: cosa scegliere

Tempo di lettura 5 minSostenibilità
Ad eccezione delle mild hybrid, le ibride ricaricabili possono essere full hybrid o plug-in, tecnologie differenti che bisogna conoscere per compiere la scelta di mobilità ecologica giusta.
Condividi questo

Meglio scegliere full hybrid o plug in

Full hybrid o plug-in: quale scegliere oggi?

Le auto ibride sono un’alternativa ecologica rispetto alle vetture endotermiche, infatti, sebbene non siano 100% green come i veicoli elettrici consentono comunque di ridurre consumi ed emissioni. Tuttavia, le ibride non sono tutte uguali ma presentano varie tecnologie: scopriamo la differenza tra full hybrid e plug-in per capire qual è meglio scegliere oggi per la mobilità sostenibile.

La differenza tra plug-in e full hybrid

Le vetture ibride sono autoveicoli dotati di una doppia motorizzazione, infatti, possiedono sia un propulsore endotermico diesel o in genere benzina, sia un motore elettrico. Dispongono anche di una batteria, la quale se non è ricaricabile si tratta delle full hybrid oppure dell’ibrido leggero, ovvero di auto mild hybrid, altrimenti di vetture con tecnologia plug-in.

Le auto full hybrid sono veicoli a trazione combinata termica ed elettrica, con la possibilità di guidare senza emissioni alle basse velocità per pochi chilometri sfruttando appena il powertrain elettrico. Questo sistema può essere utilizzato per spostare l’auto o generare corrente, mentre la batteria viene ricaricata internamente attraverso la frenata rigenerativa e il motore termico.

Anche le macchine ibride plug-in possono circolare con il solo motore elettrico, ma riescono a percorrere fino a 60-70 Km senza inquinare. Inoltre, hanno un sistema di propulsione elettrica potenziato, vantano emissioni di CO2 inferiori a 60 g/Km e possiedono accumulatori al litio ad alta efficienza, con una batteria ricaricabile con una fonte esterna tramite wall box

La principale differenza tra full hybrid e plug-in è la possibilità di ricaricare esternamente la batteria nelle ibride plug-in, operazione non consentita con le full hybrid. Le plug-in offrono anche prestazioni migliori in termini di autonomia elettrica e riduzione di consumi ed emissioni, grazie a batterie più potenti e motori elettrici più performanti.

Pro e contro delle auto ibride full hybrid

Al giorno d’oggi esistono differenze sostanziali tra le varie tecnologie full hybrid, con soluzioni diverse adottate da marchi come Toyota, Hyundai, Honda e Renault. Si tratta di vetture più ecologiche in confronto alle auto diesel e benzina convenzionali, adatte soprattutto a chi guida spesso in autostrada e deve percorrere appena brevi tratti in città dove può farlo con un basso impatto ambientale.

Vantaggi:

  • percorrere pochi Km senza inquinare;
  • nessuna operazione di ricarica esterna;
  • meno emissioni e consumi rispetto alle auto endotermiche.

Svantaggi:

  • pochi Km in modalità 100% elettrica;
  • costi iniziali e di manutenzione più alti;
  • emissioni e consumi più alti delle ibride ricaricabili.

Vantaggi e svantaggi delle auto ibride plug-in

Le auto ibride plug-in sono veicoli dotati di una batteria al litio ad alta capacità e ricaricabile tramite fonti energetiche esterne, come una presa elettrica o una colonnina pubblica. Questi veicoli green sono più ecologici rispetto alle full hybrid, ma anche più costosi e meno semplici da usare, tuttavia usufruiscono di importanti agevolazioni.

Vantaggi:

  • percorrere oltre 50 Km senza inquinare;
  • possibilità di ricarica esterna della batteria;
  • meno emissioni e consumi rispetto alle full hybrid.

Svantaggi:

  • prestazioni meno performanti a causa del peso extra;
  • costi più elevati rispetto alle auto endotermiche;
  • esperienza di guida meno coinvolgente.

Esperienza di guida meno coinvolgente.

Come abbiamo visto ibride plug-in e full hybrid si differenziano per due aspetti principali: l’impossibilità di ricaricare la batteria con una fonte esterna delle full hybrid e la maggiore capacità elettrica delle plug-in. Per il resto si tratta di due tecnologie simili, dove nell’impostazione plug-in c’è una maggiore partecipazione dei sistemi elettrificati.

Dal punto di vista ambientale le auto ibride plug-in sono in grado di offrire prestazioni migliori, con emissioni di CO2 spesso inferiori a 30-40 g/Km e un consumo nel ciclo combinato che può ridursi fino a 1-2 l/100 Km. Nelle full hybrid queste performance sono ridotte, ad ogni modo rimangono una soluzione utile per chi vuole diminuire l’impatto ambientale rispetto a un’auto benzina o diesel. 

Le vetture full hybrid sono indicate per chi percorrere molti chilometri fuori città, su strade extraurbane o in autostrada, dove la differenza tra full hybrid e plug-in si assottiglia in quanto si viaggia per lo più in modalità endotermica. Dopodiché è possibile comunque realizzare brevi spostamenti in città ad emissioni zero, senza preoccuparsi di ricaricare la batteria. 

Le macchine ibride plug-in sono adatte a chi percorrere spostamenti più lunghi e frequenti in città, un contesto in cui il motore elettrico e la batteria ricaricabile ad alta capacità consentono di beneficiare di vantaggi importanti nella diminuzione dei consumi e delle emissioni. Ovviamente bisogna mettere in conto qualche costo di manutenzione in più, a meno che non si scelga una soluzione alternativa per la mobilità sostenibile.

Plug- in e full hybrid: i vantaggi del noleggio a lungo termine

Rispetto alle auto endotermiche le ibride con tecnologia mild hybrid, full hybrid e le ricaricabili plug-in richiedono un investimento superiore, sia per l’acquisto dell’auto sia per il suo mantenimento. Lo stesso vale per i veicoli elettrici, dove nonostante una serie di incentivi i costi sono ancora abbastanza alti in confronto alle macchine diesel e benzina.

Una soluzione efficiente è rappresentata dal noleggio a lungo termine, un servizio flessibile e accessibile ideale per passare alla mobilità ecologica in maniera più sostenibile. In questo modo è possibile pagare un canone tutto compreso, al cui interno sono inclusi tanti servizi come l’assicurazione obbligatoria RCA, il bollo e la manutenzione ordinaria e straordinaria. 

Inoltre, è possibile personalizzare il contratto scegliendo una serie di servizi opzionali, come la tutela legale, il veicolo sostitutivo o il cambio pneumatici estivi/invernali. Con il noleggio si possono definire anche il chilometraggio annuale e la durata, con tante auto in pronta consegna subito disponibili, numerose offerte convenienti e veicoli da noleggiare con o senza anticipo.

D’altronde il noleggio a lungo termine è una forma di mobilità sempre più apprezzata da privati, aziende e professionisti, specialmente da chi desidera passare alle auto ecologiche ibride ed elettriche. Questa opzione permette infatti di proteggersi contro la svalutazione del mezzo, con la possibilità di guidare sempre un’auto nuova e tecnologicamente aggiornata con le ultime innovazioni nel campo della mobilità a basse e zero emissioni. 

contact-block-nl-105-105 Iscriviti a What's next? la newsletter di LeasePlan Italia per ricevere le ultime notizie sul mondo automotive e contenuti premium direttamente via email.

ISCRIVITI
Condividi questo
Pubblicato il 27 settembre 2021
27 settembre 2021
Condividi questo

Articoli correlati

Modelli auto
Auto ibride 2022: nuovi modelli in uscita14 aprile - Tempo di lettura 5 minArrowRight
Modelli auto
Anno nuovo Range Rover Evoque nuova05 gennaio - Tempo di lettura 3 minArrowRight
Modelli auto
SUV Ibrido: quale modello scegliere 20 ottobre 2021 - Tempo di lettura 4 minArrowRight