Smaltimento batterie auto elettriche: modalità e costi

Tempo di lettura 4 minSostenibilità
Le auto elettriche rappresentano la soluzione principale nella rivoluzione verde per la mobilità sostenibile, un’opzione sempre più diffusa e apprezzata per il traporto privato e aziendale
Share this

Modalità e costi dello smaltimento delle batterie delle auto elettriche

Le auto elettriche rappresentano la soluzione principale nella rivoluzione verde per la mobilità sostenibile, un’opzione sempre più diffusa e apprezzata per il traporto privato e aziendale, soprattutto nella modalità del noleggio a lungo termine.

Al centro di questa tecnologia ci sono le batterie al litio, un elemento essenziale per il funzionamento dei veicoli green. 

Vediamo come funziona lo smaltimento delle batterie delle auto elettriche, per capire cosa succede dopo il loro utilizzo.

Come funzionano le batterie delle auto a zero emissioni

Le batterie dei veicoli elettrici sono le componenti più importanti degli autoveicoli a zero emissioni, infatti da esse dipendono l’immagazzinamento dell’energia, la fornitura della potenza al motore elettrico e le prestazioni dell’auto. 

Le batterie agli ioni di litio trasformano l’energia potenziale - accumulata con la ricarica e i sistemi di recupero interni - in energia meccanica, per garantire la forza necessaria a spingere la vettura in strada.

Sono compatte e leggere rispetto ai modelli classici al piombo o al nichel, offrendo le massime performance quando si trovano a una temperatura compresa tra -10 e 30 gradi. Inoltre, possono essere ricaricate più volte senza problemi, anche in modo parziale.

L’evoluzione diretta delle batterie al litio sono le batterie allo stato solido, o ai polimeri di litio, utilizzate da aziende come Tesla, BMW, Toyota e Volkswagen. Al posto degli elettroliti liquidi usano una sostanza solida, una configurazione che garantisce fino al 50% in più di capacità, una gestione ottimale della temperatura e un minore spazio d’ingombro.

La durata delle batterie delle auto elettriche

La durata delle batterie delle macchine elettriche dipende da una serie di fattori, tra cui la data di fabbricazione, la tecnologia costruttiva e la struttura adoperata per questa componente (ioni di litio o stato solido). Allo stesso tempo l’innovazione permette di migliorare sensibilmente questo parametro, con nuovi modelli sempre più duraturi.

Le batterie classiche di vecchia generazione, come quelle agli ioni di litio, possono avere una vita utile di 8/10 anni, con un chilometraggio minimo garantito di almeno 160 mila Km. Le batterie moderne ai polimeri di litio hanno una durata superiore, considerando prestazioni migliori intorno al 20/30% rispetto a quelle al litio tradizionali.

Lo smaltimento delle batterie delle auto elettriche

Alcune persone che vorrebbero passare alla mobilità sostenibile, ad esempio per beneficiare della convenienza di opzioni come il noleggio di veicoli a zero emissioni al posto dell'acquisto, nutrono ancora dei dubbi in merito all’inquinamento e ai costi legati allo smaltimento delle batterie delle auto elettriche.

Come vengono smaltite le batterie delle auto elettriche Dopo il loro esaurimento, le batterie al litio devono essere portate presso centri specializzati per il trattamento di questi componenti: una modalità che permette di tutelare l’ambiente evitando qualsiasi tipo di contaminazione. 

Quanto costa lo smaltimento delle batterie delle auto elettriche Il costo di smaltimento delle batterie delle macchine elettriche è abbastanza elevato, con tariffe che in media possono andare da 4 fino a 4,50 euro al Kg. Questo valore dipende dalle condizioni del dispositivo e dalla configurazione tecnica prevista dal produttore per il riuso.

Riciclo delle batterie delle auto elettriche Non tutti sanno che è possibile optare per il riciclo delle batterie dei veicoli green, un fenomeno che in Europa raggiunge livelli tra i più elevati al mondo, superando il 50% dei dispositivi riutilizzati per altre finalità.

Inoltre, il loro utilizzo permette di abbattere le emissioni inquinanti fino al 30% rispetto alle auto con propulsore a combustione. 

L’Unione Europea sta studiando un sistema unificato per migliorare lo smaltimento delle batterie delle auto elettriche, il Pacchetto Economia Circolare che dovrebbe arrivare tra il 2021 e il 2022. Ad ogni modo anche l’IEA, l’Agenzia Internazionale per l’Energia, ha sottolineato i vantaggi ambientali nell’uso dei veicoli a zero emissioni rispetto a quelli con motore termico.

Come funziona il riciclo delle batterie delle auto elettriche

Uno degli aspetti più interessanti legati alle batterie dei veicoli green è il loro riutilizzo, un vantaggio estremamente importante per rendere la mobilità verde ancora più sostenibile. Queste componenti, infatti, sono in grado di continuare ad accumulare energia, perciò al posto dello smaltimento si dovrebbe sempre parlare di riuso o second life.

Il riciclo delle batterie delle auto elettriche prevede sempre il loro trattamento, attraverso procedure complesse che consentono di adoperare di nuovo questi dispositivi per altri scopi. Ovviamente l’efficienza del riciclo dipende sempre dal produttore, il quale deve assicurare una predisposizione adeguata a reimmettere in attività questi elementi.

Si tratta di una caratteristica alla base dei principi dell’economia circolare, una filosofia cardine per i nuovi modelli socioeconomici incentrati sulla sostenibilità ambientale e il riciclo. Dopo 10 anni, le batterie possiedono ancora tra il 50 e il 75% della loro capacità, un fattore importante per il loro reimpiego per usi statici.

Nella maggior dei casi le batterie riciclate delle auto elettriche vengono utilizzate per supportare la produzione di energia da fonti rinnovabili, infatti vengono collegate insieme decine o centinaia di questi dispositivi per fornire sistemi di accumulo adeguati alle necessità richieste.

I progetti realizzati con queste soluzioni sono tantissimi in tutto il mondo, dall’illuminazione dell’Amsterdam Arena, lo stadio di calcio dove gioca l’Ajax, fino ai sistemi di stoccaggio di Renault, Nissan e Tesla, molti dei quali forniscono energia pulita a isole e strutture in diverse città europee, asiatiche e americane. 

I vantaggi del noleggio a lungo termine di auto elettriche

Per semplificare la gestione delle batterie dei veicoli green, ad esempio per quanto riguarda lo smaltimento e il riciclo, la soluzione migliore è senza dubbio il noleggio di auto elettriche, una modalità davvero conveniente e vantaggiosa.

Il servizio permette di guidare una macchina a zero emissioni sempre nuova, avendo a disposizione modelli aggiornati con le ultime tecnologie del momento, con veicoli equipaggiati con batterie al litio ad alta efficienza in grado di garantire una lunga autonomia. 

In questo modo è possibile evitare di occuparsi delle batterie, per guidare con maggiore serenità grazie alle soluzioni di mobilità elettrica integrata, implementando l’uso di veicoli verdi con dispositivi come monopattini e microcar elettrici per la micromobilità urbana.

Desideri informazioni su LeasePlan Italia? Clicca qui

Share this
Pubblicato il 25 agosto 2020

25 agosto 2020
Share this