P di Principiante: quando esporla è obbligo

Tempo di lettura 3 minConducenti
Vediamo tutto quello che c’è da sapere sulla lettera P di Principiante, per capire quando e dove esporla.
Share this

Quando e dove esporre la P di Principiante sul veicolo

Prendere la patente di guida rappresenta senza dubbio un momento importante, tuttavia è necessario seguire un percorso preciso, passando per l’esame di teoria e infine superando la prova pratica.

Per la preparazione all’esame pratico è possibile guidare con il foglio rosa, ad ogni modo è obbligatorio segnalare la presenza di un conducente inesperto agli altri veicoli. Vediamo tutto quello che c’è da sapere sulla lettera P di Principiante, per capire quando e dove esporla.

Lettera P di Principiante: la regola del Codice della Strada

Secondo l’articolo 122 del Codice della Strada, chi supera l’esame di teoria può ottenere il foglio rosa e praticare la guida in vista della prova pratica, purché a bordo sia presente una persona con la patente da almeno 10 anni e un’età inferiore a 65 anni.

La norma prevede anche l’esposizione della lettera P, la quale indica la presenza di un guidatore principiante all’interno della vettura. Si tratta di un modo per avvertire gli altri conducenti, affinché possano prestare maggiore attenzione considerando l’inesperienza di chi siede alla guida.

Il contrassegno non è necessario per le auto della scuola guida, le quali infatti possiedono già una serie di segnalazioni adeguate, ma soltanto per le macchine private. In assenza della lettera P si rischiano pesanti sanzioni, con una multa da 87 euro fino a un massimo di 345 euro. 

Le caratteristiche della lettera P per i principianti

Quando si guida con il foglio rosa bisogna esporre la lettera P di principiante, rispettando le indicazioni delle normative di legge in merito alle dimensioni e al materiale utilizzato per il contrassegno. 

Ovviamente è possibile acquistare placche già pronte presso un negozio specializzato oppure online, altrimenti si può realizzare da soli con un po’ di fai da te. L’importante è verificare che il risultato sia in linea con le indicazioni del Codice della Strada, considerando tutti i requisiti previsti.

Innanzitutto, è necessario usare materiale retroriflettente, affinché la lettera P sia ben visibile sia di giorno sia di notte. Inoltre, bisogna munirsi di due contrassegni, uno da posizionare nella parte anteriore del veicolo e l’altro in quella posteriore.

La P deve essere maiuscola e di colore nero, con dimensioni di 12 cm in altezza e 9 cm in larghezza davanti, 20 cm di altezza e 18 cm di larghezza dietro. Lo sfondo bianco deve avere misure di 15 cm in altezza e 12 cm in larghezza anteriormente, mentre posteriormente di 30 cm per entrambe le dimensioni.

P di Principiante: dove metterla in auto

Come abbiamo visto, chi ancora non ha superato l’esame pratico può esercitarsi alla guida con il foglio rosa, praticando anche su auto private con un accompagnatore di età non superiore ai 65 anni e patentato da non meno di 10 anni.

La regola prevede la dotazione della vettura di due P di principiante, contrassegni da posizionare nella parte anteriore e posteriore della macchina. La lettera deve essere ben visibile agli altri automobilisti, tuttavia non deve creare problemi al conducente o al guidatore esperto al suo lato.

Di norma di utilizzano contrassegni adesivi, applicandoli sul parabrezza e sul lunotto in punti marginali del vetro dell’auto, ad esempio in basso a destra. In alcuni modelli si può sfruttare il design della carrozzeria, fissando la lettera P sul cofano e il portellone del baule, garantendo comunque una visibilità corretta al guidatore con il foglio rosa e agli altri utenti della strada.

Lettera P neopatentati: è necessario mantenere il contrassegno?

Il Codice della Strada è abbastanza chiaro su questo punto, infatti sulle auto per i neopatentati non è obbligatorio esporre la lettera P. Il contrassegno che indica la presenza di un principiante è richiesto appena per chi guida con il foglio rosa, quindi le persone che ancora non hanno ottenuto l’abilitazione.

Ciò vale sia per i veicoli di proprietà, sia per le auto per neopatentati in noleggio. Dopo il conseguimento della patente è possibile rimuovere la P di Principiante, una scelta del tutto arbitraria, infatti alcune persone preferiscono tenerla per il periodo iniziale se non si sentono ancora sicure dietro al volante.

In questo modo si possono evitare alcuni comportamenti impazienti da parte dei guidatori più esperti, per una maggiore serenità durante le prime settimane alla guida, specialmente nel caso l’auto dovesse spegnersi in partenza generando nervosismo e stress. 

Desideri informazioni su LeasePlan Italia? Clicca qui

Share this
Pubblicato il 19 gennaio 2021

19 gennaio 2021
Share this