Guida sicura: le 10 regole d'oro per guidare in sicurezza

10 maggio 2018

Manuale del perfetto guidatore: 10 regole per la sicurezza stradale

Le campagne sulla guida sicura purtroppo sono spesso prese alla leggera dai guidatori, nonostante gli incidenti stradali rappresentino una delle principali cause di morte nel mondo. Secondo le ultime statistiche ufficiali fornite direttamente dalla FIA, la Federazione Internazionale dell’Automobile, dati promossi in Italia dall’ACI e dalle più importanti istituzioni del nostro Paese, ogni anno si contano oltre 1,3 milioni di vittime della strada.

Si tratta di numeri rilevanti, soprattutto pensando che coinvolgono una persona ogni 30 secondi. Queste cifre non riguardano soltanto chi si mette alla guida, ma anche migliaia di persone che si trovano a bordo delle auto, specialmente i bambini, il cui numero di oltre 500 vittime al giorno sicuramente fa impressione.

Lo stesso vale per i giovani con un’età compresa tra i 15 e i 29 anni, per cui gli incidenti stradali rappresentano oggi la prima causa di decesso. Visti questi dati urge l’esigenza di sensibilizzare ogni persona sul tema della sicurezza stradale. Per questo motivo la FIA ha divulgato il manuale del perfetto guidatore, indicando 10 regole basilari che tutti dovremmo rispettare per diminuire i sinistri e le vittime sulle strade.

1) Allacciare le cinture di sicurezza

La prima regola sulla sicurezza stradale fornita dalla FIA riguarda l’uso delle cinture di sicurezza, un dispositivo fondamentale per limitare i danni fisici in caso di incidenti stradali. Questo meccanismo di protezione è in grado di ridurre i casi di vittime in un sinistro fino al 50%, soprattutto quando abbinato a un sistema di airbag di ultima generazione.

Tuttavia, i dati mostrati dall’ACI sull’uso delle cinture di sicurezza sono ancora una volta allarmanti. Nonostante questa norma sia stata recepita dai guidatori, che sono ormai abituati a indossare la cintura anche grazie ai nuovi dispositivi come gli allarmi acustici, la percentuale scende drasticamente per i passeggeri a bordo, specialmente quelli che si trovano nei sedili posteriori.

Per capire l’importanza delle cinture di sicurezza basti pensare che un banale scontro a 50 Km/h comporta una decelerazione di quasi 100 g, ovvero circa 100 volte la forza di gravità terrestre. È indispensabile perciò far rispettare l’uso delle cinture di sicurezza a bordo a tutti i passeggeri presenti, un obbligo e una responsabilità che devono essere presi seriamene dal guidatore del veicolo.

2) Rispettare il Codice della Strada vigente

Anche se può sembrare un’indicazione banale il rispetto del Codice della Strada è la base per una guida sicura. Le norme presenti in ciascun Paese sono volte a tutelare l’incolumità di tutti gli utenti della strada, quindi delle persone a bordo delle automobili, dei motociclisti, degli autocarri, dei ciclisti e dei pedoni.

Il Codice della Strada permette di limitare i rischi conseguenti la circolazione su strada, stabilendo delle regole univoche che, se rispettate, possono aiutare a gestire la maggior parte delle situazioni di pericolo. Anche una piccola infrazione al Codice della Strada potrebbe creare una situazione potenzialmente letale, quindi è buona prassi seguire tali norme e guidare sempre con prudenza.

3) Rispettare i limiti di velocità presenti su ogni tratto di strada

Il mancato rispetto dei limiti di velocità è una delle prime cause al mondo di incidenti stradali, dei quali purtroppo la maggior parte risulta essere fatale. L’abitudine alla guida genera di solito una falsa sicurezza in chi si trova alla guida, che spesso crede di poter gestire facilmente una velocità elevata rispetto a quella consentita su quel tratto stradale.

In realtà non è così, infatti una differenza anche minima della velocità di appena 20 Km/h in più si traduce in un aumento dello spazio d’arresto di quasi 6 metri al secondo. È evidente come in una situazione d’emergenza anche un solo metro in meno possa fare la differenza tra la vita e la morte, quindi è importante rispettare sempre i limiti di velocità presenti.

Inoltre, è consigliabile adattare tali indicazioni anche in base alle condizioni atmosferiche, alla stanchezza, al traffico e al tipo di veicolo che si sta guidando in quel momento (city car, SUV, ecc.). Ogni auto ha uno spazio di frenata diverso, in base al peso, al sistema frenante e ai riflessi del pilota. Non essendo possibile calcolare questo valore in ogni istante, è necessario limitare la velocità e lasciare abbondante spazio tra il proprio veicolo e quello che precede.

4) Controllare i penumatici con regolarità

La quarta regola promossa dalla FIA nel suo manuale di sicurezza stradale riguarda il controllo periodico della pressione dei penumatici. Si tratta di un aspetto fondamentale per garantire una guida sicura e una perfetta efficienza nella marcia della propria autovettura, infatti le gomme rappresentano il solo punto di contatto tra l’auto e l’asfalto quindi bisogna verificarne la pressione almeno una volta la settimana.

Quando uno pneumatico è sgonfio, oltre a un aumento generale dei consumi, il veicolo perde parte della sua aderenza e risponde in maniera meno efficiente e rapida alle frenate e alle sterzate improvvise. Lo stesso vale quando la superficie delle gomme è ormai consumata. Cambiare gli penumatici e controllarne regolarmente la pressione assicura che il proprio veicolo sia sempre reattivo e performante.e strade.

5) Guidare solo quando si è perfettamente lucidi

La sicurezza alla guida non interessa soltanto il corretto mantenimento dell’auto, ma anche la verifica delle proprie condizioni fisiche e mentali. Lo stress e i mille impegni giornalieri ci portano spesso a guidare in condizioni non idonee, perché troppo stanchi oppure non perfettamente lucidi. Naturalmente non bisogna mai mettersi alla guida dopo aver bevuto alcolici o assunto sostanze stupefacenti.

Ma la lucidità non riguarda soltanto gli stati confusionali indotti da sostanze artificiali, poiché anche la stanchezza, lo stress e i medicinali possono influire negativamente sulla reattività, oppure causare il pericolosissimo colpo di sonno. Prima di mettersi alla guida bisognerebbe essere sinceri con se stessi, avendo l’umiltà di autogiudicarsi e nel caso aspettare o chiamare qualcuno.e.

guidasicura

6) Proteggere i bambini presenti a bordo

Come mostrato dalle statistiche sugli incidenti stradali, oltre 500 bambini perdono la vita ogni giorno nel mondo in seguito a un sinistro. Ciò accade perché i bambini sono gli utenti più deboli e fragili nella circolazione stradale, quindi vanno protetti adeguatamente utilizzando tutti i sistemi di protezione esistenti e adottando una guida prudente e sicura.

Inoltre, ogni dispositivo deve essere regolato in base alle caratteristiche del bambino, altrimenti ne viene vanificata l’utilità. La FIA ricorda di impostare correttamente l’altezza delle cinture, di controllare il fissaggio del seggiolino al sedile, di rispettare la giusta posizione a bordo di tali dispositivi e di verificare che il bambino non assuma comportamenti rischiosi durante il viaggio.

7) Evitare le distrazioni durante la guida

Tra le prime cause di incidenti stradali ci sono le distrazioni, per questo motivo la regola numero 7 del manuale di sicurezza stradale della FIA ricorda di guidare prestando attenzione alla strada. Dai dati della FIA e dell’ACI emerge invece un quadro piuttosto allarmante, con la maggior parte degli automobilisti che ammette di essere solita mandare messaggi, telefonare senza auricolare, cambiare la musica, mangiare e truccarsi, esponendosi ad ogni sorta di comportamento potenzialmente pericoloso durante la guida.

Per capire la gravità di una piccola distrazione bisogna pensare che a una velocità di 80 Km/h si percorrono ben 80 metri al secondo. Quando si distoglie lo sguardo dalla strada per soli due secondi in realtà si percorrono quasi 160 metri senza vedere cosa sta succedendo davanti al proprio veicolo, creando una situazione estremamente rischiosa per sé e per gli altri. È essenziale evitare qualsiasi tipo di distrazione durante la guida, rimanendo sempre concentrati sulla strada.

8) Fermarsi quando si è stanchi

L’ottava regola per una guida sicura riguarda la stanchezza. Mettersi alla guida quando si è troppo stanchi, oppure non fermarsi nel caso in cui ci si accorga di non essere più al 100% delle proprie condizioni fisiche e mentali significa correre un rischio altissimo. Tutti noi siamo essere umani e non possiamo guidare per ore e ore continuativamente.

Durante un lungo viaggio è fondamentale fermarsi almeno ogni due o tre ore per una sosta, ancor più se si guida di notte o in condizioni climatiche particolarmente avverse. Cercare di arrivare a destinazione a tutti i costi non ha senso, specialmente perché in questo modo si mettono a rischio le vite dei propri passeggeri e degli altri automobilisti.

9) Indossare sempre il casco in moto

Purtroppo, la moto rimane ancora oggi uno dei mezzi più pericolosi, con migliaia di vittime ogni anno dovute a fattori come le condizioni dell’asfalto, i comportamenti azzardati, il superamento dei limiti di velocità e il mancato uso del casco. Questo dispositivo è in grado di evitare il decesso del motociclista e le contusioni gravi, soprattutto negli incidenti alle basse velocità quando anche un piccolo urto del cranio può comportare un trauma irreversibile.

La FIA ci ricorda nel suo manuale di guida sicura quanto sia importante indossare sempre il casco in moto, ma anche limitare la velocità ed evitare comportamenti rischiosi dovuti a una guida esageratamente sportiva. Per correre esistono i circuiti, dove è possibile dare libero sfogo alla potenza della propria due ruote in completa sicurezza, ma sulla strada è meglio rimanere prudenti.

10) Rispettare se stessi e gli altri utenti della strada

L’ultima indicazione sulla sicurezza stradale da parte della FIA è più un consiglio che una regola da seguire, infatti vuole far riflettere sulla necessità di evitare lo stress e di rispettare se stessi e gli altri utenti della strada. La rabbia stradale è un fenomeno molto diffuso fra gli automobilisti, soprattutto durante la guida in città in mezzo al traffico.

Per adottare una guida sicura basta iniziare a pensare al proprio bene e a quello degli altri, una regola dettata dal buon senso che porta inevitabilmente a seguire tutte le altre norme presenti in questo manuale di sicurezza stradale. Ogni vita è preziosa e tutti hanno diritto ad arrivare a destinazione sani e salvi. Per questo motivo bisogna riflettere su queste 10 regole di guida sicura, pensando come ognuno di noi possa migliorare il proprio stile di guida.

Desideri informazioni su LeasePlan Italia? Clicca qui