La micromobilità cambia tutto, anche la mobilità aziendale

Tempo di lettura 2 minSostenibilità
Ecco l’analisi dalla survey “La micromobilità entra in azienda?”, promossa dall’Osservatorio sulla mobilità aziendale Top Thousand
Condividi questo

Non è in caso se la micromobilità dei monopattini sia subito entrata nell’offerta di noleggio a lungo termine di LeasePlan, sempre attenta all’evoluzione dei desideri degli automobilisti: ora la micromobilità comincia a entrare a far parte anche degli scenari di mobilità aziendale. L’approccio dei fleet e mobility manager resta di grande cautela verso questi mezzi, in attesa di una regolamentazione più stringente che garantisca una circolazione in maggiore sicurezza sulle strade italiane.

E’ questo il verdetto che emerge dalla survey “La micromobilità entra in azienda?”, promossa dall’Osservatorio sulla mobilità aziendale Top Thousand (composto da Fleet e Mobility Manager di grandi aziende) e dalla rivista Fleet Magazine. L’indagine è stata condotta su un ampio campione di oltre 100 aziende di ogni dimensione (grandi, medie, PMI) e di diversi settori merceologici, per un parco totale gestito di quasi 118.439 veicoli.

Lo studio parte da un dato: il 10% delle aziende interpellate ha già adottato soluzioni di micromobilità (biciclette/e-bike, monopattini, microcar, scooter/e-scooter). Un numero ancora basso, ma la percentuale sale se si considera soltanto la parte di campione che opera ed effettua spostamenti nei centri cittadini.  Quasi il 25% dei gestori di flotte intervistati, inoltre, è possibilista riguardo l’introduzione di questi mezzi all’interno del proprio parco aziendale e il 15% di coloro che non hanno ancora sposato la micromobilità dichiara apertamente l’intenzione di voler adottare soluzioni di questo genere in futuro.

Per coloro che hanno già cominciato a utilizzarli, bici elettriche e scooter sono i mezzi prediletti (entrambi raggiungono una quota del 25%). Seguono le biciclette tradizionali e i monopattini (rispettivamente al 18% e 17%), più esigua la quota di scooter elettrici e microcar (8% e 7%). La predilezione dei fleet manager per le e-bike e per gli scooter trova ragione nel fatto che questi mezzi consentono di compiere agevolmente anche tragitti di alcuni chilometri, adattandosi alla perfezione anche al percorso casa-lavoro. 

L’acquisto resta la modalità preferita dalle aziende per entrare in possesso di questi mezzi, seguita da noleggio e dallo sharing. Lo scenario è oggi quanto mai fluido. Stanno aumentando, infatti, le soluzioni di micromobilità offerte dai noleggiatori, spesso integrate con il noleggio dell’auto. Anche gli operatori di sharing mobility possono proporre convenzioni alle aziende, con tariffe agevolate per i dipendenti e una fatturazione semplificata (come già accade per i servizi legati all’auto condivisa). Oggi sono soprattutto gli impiegati ad utilizzare le soluzioni di micromobilità (80% del totale), ma anche i dirigenti cominciano a servirsene. 

contact-block-nl-105-105 Iscriviti a What's next? la newsletter di LeasePlan Italia per ricevere le ultime notizie sul mondo automotive e contenuti premium direttamente via email.

ISCRIVITI
Condividi questo
Pubblicato il 7 settembre 2021

7 settembre 2021
Condividi questo

Articoli correlati

SostenibilitàNuovi incentivi per veicoli elettrici: in arrivo pedaggi autostradali scontati28 giugno - Tempo di lettura 2 minArrowRight
SostenibilitàBonus per le auto elettriche, rischio esaurimento fondi22 giugno - Tempo di lettura 2 minArrowRight
SostenibilitàMobilità sostenibile: esempi green per muoversi in città22 giugno - Tempo di lettura 4 minArrowRight