audi-addio-auto-compatte

Audi, addio alle auto compatte

Tempo di lettura 2 minNews motori
La casa tedesca ha pubblicamente annunciato che eliminerà gradualmente i suoi modelli più piccoli e si concentrerà sulle auto di lusso per fare più profitti
Condividi questo

La strategia del colosso di Ingolstadt è chiara: abbandonare le auto compatte e non produrle più. L’Audi ha infatti pubblicamente annunciato che eliminerà gradualmente i suoi modelli più piccoli e si concentrerà sulle auto di lusso per fare più profitti. "Nello specifico, abbiamo deciso di interrompere la produzione della A1 e non ci sarà nemmeno un modello successore della Q2", ha detto l'amministratore delegato del marchio Markus Duesmann. Non solo: "Abbiamo anche riallineato Audi come marchio premium. Limiteremo la nostra gamma di modelli verso il basso e la espanderemo verso l'alto", ha aggiunto, spiegando che il gruppo Volkswagen, a cui appartiene, ha ridefinito il ruolo dei suoi marchi. Duesmann ha riferito che il Suv compatto Q2, lanciato nel 2016, sarà interrotto senza sviluppare un successore, poiché non si adatta alla nuova pianificazione della casa automobilistica di lusso. "Stiamo dando la priorità ad altri segmenti", ha sostenuto.

Il capo dell'Audi ha anche toccato i piani intorno alla prossima ammiraglia del marchio, una berlina di lusso completamente elettrica con un interno spazioso, un nuovo sistema elettrico e un nuovo software. "Siamo nei tempi previsti e porteremo il modello sulla strada nel 2025", ha detto. "Dopo di che, tuttavia, ci saranno certamente altri modelli sulla piattaforma, comprese le varianti di Bentley e Porsche", ha aggiunto. 

Per quanto riguarda i continui colli di bottiglia nella fornitura di microchip, Duesmann ha sostenuto che il gruppo Volkswagen, come altri produttori, sta dando la priorità all'uso di questi componenti nei modelli più redditizi dei suoi marchi. "Nel gruppo, cerchiamo di assicurarci il risultato complessivo. Ecco perché diamo la priorità ai modelli con la quota di profitto più alta", ha detto. Per quanto riguarda i dati di vendita in Cina, il presidente del marchio ha riconosciuto le carenze nella connettività auto: "Abbiamo bisogno di fare un passo avanti in termini di connettività, non siamo ancora soddisfare le elevate esigenze dei clienti cinesi nella misura che vorremmo".

Molti di questi clienti, ha detto, vogliono essere in grado di chattare o pagare dalla macchina. Per colmare queste lacune, Volkswagen e Audi potrebbero creare un centro di sviluppo congiunto in Cina

Condividi questo
Pubblicato il 22 febbraio 2022
22 febbraio 2022
Condividi questo

Articoli correlati

Sostenibilità
Audi lancia il suo ecosistema di ricarica per auto elettriche03 maggio - Tempo di lettura 2 minArrowRight
News motori
Audi RS e-tron GT e Ghedina, coppia magica11 marzo - Tempo di lettura 1 minArrowRight
Modelli auto
Audi a8: ecco la nuova ammiraglia del marchio02 marzo - Tempo di lettura 5 minArrowRight