progetti-auto-elettriche

Auto elettriche: i progetti dei big degli smartphone

Tempo di lettura 5 minFuturo della mobilità
Le aziende tecnologiche stanno investendo nella mobilità elettrica, lavorando sullo sviluppo delle auto green e hi-tech del futuro.
Condividi questo

I progetti per le auto elettriche del futuro

I progetti di auto elettriche dei big tech

La crescita della mobilità elettrica sta attirando ingenti investimenti privati, con un coinvolgimento in aumento da parte delle aziende tecnologiche. Da Google ad Apple, le grandi compagnie tech stanno lavorando allo sviluppo delle auto elettriche del futuro, con tantissimi progetti per rendere sempre più intelligenti i veicoli green.

L’auto elettrica targata Apple forse entro il 2025

Da molti anni Apple è impegnata nello sviluppo del Project Titan, allo scopo di produrre per conto proprio un veicolo elettrico. Secondo Bloomberg, l’azienda statunitense potrebbe lanciare sul mercato la sua auto elettrica entro il 2025, probabilmente chiamandola Apple Car o iCar.

Si tratterebbe di una vettura a zero emissioni di ultima generazione, dotata di avanzate tecnologie ADAS per la guida autonoma di livello 5. L’auto potrebbe perfino essere una self driving car, ovvero una macchina in grado di guidarsi da sola priva di volante e pedali, sebbene la società di Cupertino stia portando avanti anche un progetto meno ambizioso di auto a guida semiautonoma.

Il possibile ingresso di Google nella green mobility

Google è già un leader nel settore delle tecnologie di intrattenimento per i veicoli elettrici, infatti la sua piattaforma Android Auto è una delle più utilizzate insieme ad Apple Car. Non è un segreto, però, che l’azienda di Mountain View stia lavorando da circa vent’anni alla realizzazione di un’auto elettrica completa.

Nel 2016 infatti è nata la società controllata Waymo, con la quale Google sta sperimentando la guida autonoma tramite collaborazioni con imprese del calibro di Geely, FCA e Toyota. Al momento, Google sta lavorando su una flotta di robotaxi completamente autonomi, un progetto realizzato in partnership con la cinese Geely che si sta svolgendo in Svezia a Göteborg.

Per ora non esistono date certe sul lancio ufficiale dei nuovi taxi a guida autonoma, tuttavia dovrebbe trattarsi di monovolume con abitacolo modulare e senza volante né pedali. La compagnia USA sta anche lavorando alla fornitura di hardware e software di ultima generazione per le auto elettriche prodotte da Volvo, Jaguar, Renault Nissan e dal gruppo automotive Stellantis. 

Microsoft e la gestione dei dati generati dalle auto elettriche

Le auto elettriche moderne sono un vero e proprio concentrato di tecnologia, veicoli che generano una mole considerevole di dati durante la guida e la ricarica. Microsoft ha lavorato insieme all’azienda Wejo allo sviluppo di Neural Edge, una nuova piattaforma per la gestione dei big data prodotti dalle macchine green.

Il software, presentato all’ultimo CES di Las Vegas, permetterà di ottimizzare i dati gestiti dai veicoli a zero emissioni, agevolando l’utilizzo delle informazioni più importanti da parte delle tecnologie cloud di Azure. Questa soluzione rappresenta un ulteriore passo in avanti per la smart mobility, per garantire una migliore comunicazione tra le auto e le infrastrutture stradali. 

Samsung e le batterie di nuova generazione per i veicoli green

Le macchine elettriche del futuro assicureranno un’autonomia sempre più elevata, offrendo al contempo una ricarica ultrarapida per risolvere i gap attuali legati alla mobilità green. In questo campo progetti avanzati sono gestiti da varie aziende, tra cui il colosso Samsung specializzato nei dispositivi elettronici e nei semiconduttori.

I ricercatori della compagnia coreana hanno già realizzato un prototipo avanzato, batterie in grado di fornire fino a 800 Km di autonomia ed essere ricaricate oltre mille volte senza perdere efficienza. L’innovativa batteria agli ioni di litio allo stato solido è anche particolarmente compatta, con dimensioni ridotte della metà rispetto a quelle delle attuali batterie delle macchine elettriche.

Stellantis e LG produrranno batterie per le auto elettriche

Nel 2021 è stato siglato un accordo tra Stellantis e LG per la produzione di batterie per le auto elettriche, una joint venture per sostenere la crescita del mercato dei veicoli green in Nordamerica. Questo accordo consentirà al gruppo Stellantis di accelerare nell’elettrificazione della gamma, per rispettare gli ambiziosi obiettivi fissati per il 2030.

Allo stesso tempo, LG ha stretto una collaborazione anche con Magna International, con l’obiettivo di realizzare un nuovo powertrain elettrico e una serie di componenti per le vetture elettriche. La società nata dalla joint venture si chiamerà LG Magna E-Powertrain, producendo nei prossimi anni propulsori elettrici, caricatori, dispositivi inverter e sistemi evoluti per la guida elettrica.

L’auto elettrica di Sony debutta ufficialmente

Tra le aziende che stanno investendo nello sviluppo delle auto elettriche del futuro c’è anche Sony, al debutto ufficiale con la macchina a zero emissioni Vision S. Si tratta ovviamente di un prototipo, presentato al CES di Las Vegas, tuttavia l’azienda giapponese creerà nel 2022 un nuovo dipartimento per lavorare sulla e-mobility.

Anche in questo caso lo scopo è studiare i veicoli elettrici a guida autonoma, per capire come Sony potrebbe inserirsi in questo mercato in espansione, in modo indipendente o tramite collaborazioni con le case automobilistiche. Le potenzialità sono significative, soprattutto considerando il know how tecnologico di Sony. 

Baidou, Xiaomi e Huawei investono nelle auto elettriche

In Cina in settore delle green cars è forte crescita, più di quanto stia avvenendo in Europa e negli Stati Uniti. Non a caso tutti i colossi tecnologici cinesi stanno investendo nella mobilità elettrica, portando avanti importanti progetti di sviluppo di veicoli a zero emissioni dotati di tecnologie avanzate per la guida autonoma.

Huawei, ad esempio, ha destinato 1 miliardo di dollaro allo sviluppo di veicoli elettrici, presentando nel 2021 il prototipo Aito M5 creato insieme alla piccola casa automobilistica Seres. Il gruppo tech è inoltre un fornitore di tecnologie per il comparto automotive, con il prodotto di punta rappresentato dal software HarmonyOS arricchito di nuove funzionalità dedicate per la piattaforma HiCar.

Anche Baidou sta lavorando allo sviluppo di un’auto elettrica robot sperimentale, frutto di investimenti di oltre 7,7 miliardi nella ricerca applicata all’ambito della green mobility. Il prototipo dovrebbe essere presentato nel corso del 2022, con Baidou che fornirà una serie di tecnologie mentre la parte automotive sarà realizzata da Geely.

Tra i giganti tech della Cina Xiaomi è quella che sta investendo di più, destinando oltre 10 miliardi ai progetti di e-mobility. L’azienda dovrebbe lanciare la prima auto elettrica entro il 2024, battendo sul tempo Apple, arrivando a una gamma di almeno 4 modelli di veicoli green entro il 2027 tutti dotati di sofisticati sistemi di assistenza alla guida. 

Condividi questo
Pubblicato il 25 gennaio 2022

Per saperne di più
25 gennaio 2022
Condividi questo

Articoli correlati

Sostenibilità
Ricaricare auto elettriche in autostrada, ancora un’utopia23 giugno - Tempo di lettura 1 minArrowRight
Modelli auto
10 auto elettriche con più autonomia03 febbraio - Tempo di lettura 6 minArrowRight
Sostenibilità
Mobilità sostenibile: esempi green per muoversi in città22 giugno 2021 - Tempo di lettura 4 minArrowRight