Tesla, sempre più estesa la rete di ricarica Supercharger

Tempo di lettura 2 minSostenibilità
Da quando il primo Supercharger è stato installato in Norvegia nel 2013, sono appena state superate le 6000 postazioni di ricarica disposte in oltre 600 location in Europa.
Share this

Si espande senza sosta la rete Tesla Supercharger che ha appena superato la quota di 6000 postazioni di ricarica disposte in oltre 600 location in Europa. Per la cronaca il primo Supercharger è stato installato in Norvegia nel 2013, quando la prima Model S è sbarcata in Europa. Poi, quando la Model X è arrivata nel 2016, il numero delle stazioni di ricarica era cresciuto fino a 1267 unità. Le consegne della Model 3 sono iniziate nel 2019 con un totale di 3711 postazioni di ricarica Supercharger in tutta Europa. E negli ultimi due anni, la crescita della rete ha accelerato fino a raggiungere il traguardo di oggi, che consente di percorrere oltre 2,4 miliardi di chilometri grazie ai soli Supercharger. Dall'arrivo della Model 3, grazie alle ricariche Supercharger i proprietari Tesla hanno viaggiato per l'equivalente di più di 3000 viaggi di andata e ritorno sulla Luna, o circa 22 viaggi di andata e ritorno su Marte. Oggi, i Supercharger possono essere trovati in 27 paesi in Europa, inclusa Atene. In Italia ci sono attualmente 374 stalli di ricarica Supercharger in 42 stazioni in tutto il paese. 

La dimensione media di una stazione Supercharger quando Tesla ha inaugurato la rete nel 2013 era di sette stalli. Negli ultimi anni, questo numero è aumentato riflettendo la crescente dimensione della clientela Tesla. Oggi, il sito di ricarica più grande in Europa è Nebbenes, Norvegia, con 44 stalli Supercharger, seguito da Rygge, NO (42), Liertoppen, NO (40) e Oberhonnefeld, DE (40). 

Nel tempo, i Supercharger sono diventati più veloci ed efficienti. La potenza di picco del V2 è stata aumentata a 150kW, ed è stata introdotta la funzione di riscaldamento della batteria durante il viaggio di avvicinamento per assicurare che le auto arrivino al Supercharger avendo già raggiunto la temperatura ottimale per la ricarica, riducendo così i tempi medi di ricarica del 25%. L'arrivo del Supercharger V3 in Europa ha permesso così di raggiungere una capacità di ricarica fino a 1600 km all'ora. E di diffondere sempre più le auto elettriche ed ibride.

Desideri informazioni su LeasePlan Italia? Clicca qui

Share this
Pubblicato il 7 aprile 2021

7 aprile 2021
Share this