crisi-settore-auto

Crisi settore auto e Guerra in Ucraina: possibili scenari

Tempo di lettura 4 minNews motori
Il conflitto tra Russia e Ucraina sta peggiorando la crisi del settore auto, con effetti sull’intera filiera automobilistica.
Condividi questo

Gli effetti della guerra Russia-Ucraina sul settore auto

Crisi del settore auto: gli scenari post guerra in Ucraina

La guerra tra Russia e Ucraina potrebbe peggiorare la crisi del settore auto, già messo a dura prova dalla carenza di microchip e dai rincari delle materie prime. Vediamo qual è la situazione attuale e i possibili scenari per il mercato automotive.

I problemi nella produzione di auto in Russia

L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha causato non solo un dramma umanitario, ma rischia di compromettere l’economia europea e penalizzare alcuni settori come quello automobilistico. Si tratta di un comparto già in notevole difficoltà, alle prese con una complessa transizione verso la mobilità sostenibile e la crisi provocata dalla pandemia.

Le aziende automotive devono inoltre affrontare il problema della carenza di semiconduttori, con il ripristino delle forniture che non dovrebbe avvenire prima del 2023. In questo contesto si è inserita purtroppo anche la guerra russo-ucraina, con molteplici effetti che rischiano di causare un danno significativo all’industria automobilistica europea.

Una delle criticità è rappresentata dalla chiusura degli stabilimenti produttivi in Russia. Molte case stanno interrompendo la produzione nel Paese, tra cui Volkswagen e BMW, sia per una questione etica in risposta al conflitto sia per motivi operativi, come le restrizioni ai pagamenti applicate alla Russia dalla comunità internazionale e la mancanza di forniture.

Anche Hyundai ha sospeso la produzione di auto in Russia, mentre Honda ha interrotto le esportazioni verso il Paese dei veicoli prodotti negli Stati Uniti. Decisioni analoghe sono state prese da Porsche, Nissan, Volvo, Toyota e Renault, mentre Suzuki e Stellantis hanno sospeso l’attività di import ed export con la Russia a tempo indeterminato.

Mercato auto: Russia e Ucraina possono rallentare l’elettrico

Tra le conseguenze del conflitto tra Russia e Ucraina ci sono gli effetti nel campo della mobilità elettrica. Il settore già non stava vivendo un ottimo momento, soprattutto per via del chip shortage, considerando che le auto elettriche richiedono un elevato numero di semiconduttori e microchip per gestire le avanzate elettroniche di questi veicoli.

Inoltre, bisogna tenere conto della strategia intrapresa dall’Unione Europea con la messa al bando delle auto endotermiche entro il 2035. Molte case automobilistiche hanno scelto perfino di anticipare questa data, dichiarando l’intenzione di produrre solo veicoli green entro il 2030, un obiettivo che le recenti tensioni geopolitiche rischiano di rendere inviabile.

La guerra ad Est ha fatto emergere anche un’altra questione legata all’energia, ovvero la necessità di aumentare la produzione di energia da fonti rinnovabili per alimentare una domanda elettrica in continuo aumento. Le auto elettriche sono convenienti per il portafoglio e l’ambiente, solo quando l’energia utilizzata è green e pulita, altrimenti si perdono molti dei benefici che questi veicoli sono in grado di offrire.

Il conflitto bellico da un lato ha causato rincari pesanti delle materie energetiche, dall’altro però potrebbe accelerare la transizione energetica verso le fonti sostenibili. La necessità di svincolarsi dal gas russo, infatti, sta spingendo i Paesi UE a cercare delle alternative, soluzioni che se nel breve termine sono state individuate in nuovi fornitori in Africa e in Nord America, nel lungo periodo saranno inevitabilmente le fonti di energia verde.

L’influenza nel settore auto dell’Ucraina

Benché notoriamente non sia un Paese considerato rilevante per il settore auto, al contrario l’Ucraina ha un ruolo importante nel mercato automotive. I fornitori ucraini producono molte componenti per l’industria automobilistica, tra cui cablaggi e gas neon, ma anche materie prime fondamentali come l’acciaio, lo zircone e le sabbie minerali.

Secondo quanto riportato da Il Sole 24 Ore in base alle stime di Alix Partners , la crisi tra Russia e Ucraina potrebbe comportare fino a 1,8 milioni di auto in meno per il settore automotive. Quattroruote , invece, distacca come il 70% della produzione di neon sia realizzata in Ucraina, essenziale per il funzionamento dei macchinari che servono per la produzione dei semiconduttori.

La guerra in Ucraina, dunque, potrebbe non solo peggiorare la crisi delle forniture per le aziende automobilistiche, in particolare di semiconduttori, ma prolungare le carenze di questi componenti fondamentali ben oltre il 2023. A tutto ciò bisogna aggiungere il colpo economico inferto all’industria automotive, sottraendo risorse indispensabili all’innovazione e alla transizione ecologica.

Le prospettive per il comparto auto dopo il conflitto Russia-Ucraina

Gli effetti della guerra tra Russia e Ucraina si ripercuoteranno su tutta la filiera del settore auto, secondo l’allarme lanciato da Aniasa, l’Associazione nazionale dell’industria dell’autonoleggio, della sharing mobility e dell’automotive digital.

A marzo le immatricolazioni di autoveicoli in Italia sono crollate del 29,7% rispetto allo stesso periodo del 2021, mentre il calo è addirittura del 38,5% in confronto a marzo 2020.

L’Aniasa ha lanciato anche un allarme sul settore del car rental , in quanto l’assenza di automobili e la crisi dei chip stanno riducendo anche il numero di veicoli per l’autonoleggio. L’effetto peggiore si riscontra nel noleggio a breve termine, in particolare in riferimento al periodo estivo che coincide con un aumento stagionale delle richieste di vetture a noleggio per le vacanze.

Le imprese europee del settore potrebbero non avere scelta ed essere costrette a rivolgersi all’Asia, specialmente alla Cina, per garantire forniture adeguate alla domanda dei clienti. Si tratta di un trend che potrebbe essere irreversibile, come sottolineato dal direttore generale di Aniasa Giuseppe Benincasa, qualora i costruttori europei non cambieranno rapidamente strategia.

Per il momento il noleggio a lungo termine si sta dimostrando più resiliente, grazie a una maggiore durata dei contratti e una pianificazione che può essere gestita con margini più ampi. Ciò vale soprattutto per le aziende che hanno adottato strategie di business più strutturate e previdenti, ad esempio diversificando i fornitori e differenziando l’offerta di veicoli in termini di alimentazione e soluzioni di mobilità.

Ad ogni modo, è innegabile come il conflitto bellico stia causando e comporterà in futuro delle conseguenze importanti per il mercato automobilistico

Per risolvere questa crisi è necessario uno sforzo congiunto pubblico e privato, per tutelare un settore strategico per l’occupazione e lo sviluppo di un’economia europea sostenibile incentrata sulla mobilità elettrica integrata.

Condividi questo
Pubblicato il 8 aprile 2022
8 aprile 2022
Condividi questo

Articoli correlati

Modelli auto
Aston Martin Valhalla: la supercar ispirata alla F112 aprile - Tempo di lettura 5 minArrowRight
Modelli auto
Ferrari Purosangue: il SUV del cavallino rampante25 marzo - Tempo di lettura 4 minArrowRight
Modelli auto
Migliori berlina segmento C: modelli a confronto18 febbraio - Tempo di lettura 4 minArrowRight