nuova-nissan-juke-ibrida

Nissan Juke, novità hi-tech per l’ibrido

Tempo di lettura 3 minModelli auto
Ha un motore a benzina da 94 cv abbinato a uno elettrico da 49 cv con lo starter/generatore ad alta tensione da 15kW e batteria raffreddata ad acqua da 1,2 kWh
Condividi questo

Cambio multi-mode avanzato per una guida piacevole, diretta e reattiva, guida 100% elettrica in prima marcia e una riduzione dei consumi ridotti fino al 40%. E’ questo quello che promette la nuova Nissan Juke che debutterà entro l’anno. Una serie di innovazioni da record nel solco della strategia di elettrificazione di Nissan. Il cuore dell’auto è la nuova power unit ibrida composta da un motore Nissan a combustione interna di nuova generazione e all’avanguardia appositamente sviluppato per funzionare su motorizzazioni ibride, erogando una potenza di 69 kW (94 cv) e una coppia di 148 Nm.

Per la propulsione elettrica, invece, Nissan ha fornito il principale motore elettrico che eroga una potenza di 36 kW (49 cv) e una coppia di 205 Nm, mentre Renault ha contribuito con lo starter/generatore ad alta tensione da 15kW, con l’inverter, con la batteria raffreddata ad acqua da 1,2 kWh e con il cambio fortemente innovativo. Il risultato è un propulsore che eroga il 25% di potenza in più rispetto all’attuale motore benzina, con consumi ridotti fino al 40% in ciclo urbano e fino al 20% in ciclo combinato.

Di fondamentale importanza per il piacere di guida di Nissan JUKE Hybrid è il cambio multi-mode avanzato a basso attrito che consente di sfruttare al meglio la potenza propulsiva del motore benzina o elettrico o entrambi.

Per ridurre l’attrito, il cambio utilizza giunti a denti invece dei tradizionali anelli sincronizzatori per i 4 rapporti “ICE” e i 2 rapporti “EV”. Inoltre, sempre per ridurre l’attrito, il cambio non si avvale della frizione. L’avviamento è al 100% elettrico e i 2 motori vengono usati insieme per sincronizzare le marce, offrendo un’accelerazione fluida, connessa e reattiva.

Il cambio è controllato da un algoritmo avanzato, che gestisce i punti di cambio marce, la rigenerazione della batteria e l’avanzata architettura serie-parallelo.  Il propulsore ottimizza l’utilizzo dei vari tipi di ibridazione possibili (serie, parallelo, serie-parallelo) - fluidamente e senza l’intervento del conducente - in base alle esigenze di accelerazione e potenza. Il conducente potrà così contare su un’accelerazione reattiva senza problemi ed efficienza a basse emissioni, sfruttando il meglio di entrambi i mondi.

Il sistema di guida intelligente di JUKE Hybrid gestisce il propulsore secondo diversi parametri, con l’obiettivo di massimizzare il tempo che JUKE percorre in modalità elettrica. Durante i test, gli ingegneri di Nissan hanno ottenuto fino all’80% di guida urbana in modalità 100% elettrica, con brevi fasi ibride per ricaricare la batteria, prima di tornare alla modalità EV. JUKE Hybrid non solo parte sempre in modalità 100% elettrica, ma può anche mantenerla fino a una velocità di 55 km/h, offrendo ai conducenti un’esperienza di guida elettrica forte, costante e sostenuta.

Il sistema sfrutta automaticamente al massimo l’elettrico, ma JUKE Hybrid ha anche un pulsante “EV Mode” dedicato che può essere utilizzato quando il conducente vuole “escludere” il motore benzina guidando solo in elettrico, come nelle aree residenziali o nei centri abitati, presso scuole o parcheggi, e in caso di traffico intenso. Se lo stato di carica della batteria lo consente, il sistema forzerà JUKE Hybrid a funzionare come un veicolo 100% elettrico.

Non mancano piccole modifiche al design esterno e un sistema multimediale rivisto, e un selettore che consente di scegliere tra varie modalità di guida: Eco, Normal o Sport. La modalità di guida non cambia solo la rigidità dello sterzo, il funzionamento del controllo del clima e la risposta dell’acceleratore, ma anche il comportamento della frenata rigenerativa e lo stato di carica della batteria. Nella modalità Sport, per esempio, la rigenerazione in frenata è impostata su alti livelli per massimizzare la potenza elettrica e ottenere un’accelerazione efficace.

Condividi questo
Pubblicato il 10 marzo 2022
10 marzo 2022
Condividi questo

Articoli correlati

Modelli auto
Renault Kangoo: interni, dimensioni e scheda tecnica31 maggio - Tempo di lettura 4 minArrowRight
Modelli auto
Fiat 500 e 500X, le cabriolet diventano “Dolcevita”09 maggio - Tempo di lettura 2 minArrowRight
Modelli auto
Nuovo Renault Austral, il suv strizza l’occhio alla moda18 marzo - Tempo di lettura 1 minArrowRight