Aston Martin Valhalla, la supercar ha fatto un sogno

Tempo di lettura 4 minModelli auto
Con telaio, aerodinamica ed elettronica nati dall’esperienza maturata in Formula Uno, oltre a un motopropulsore ibrido con tecnologia di ultima generazione, Valhalla è un formidabile gioiello tecnologico.
Condividi questo

Si chiama Valhalla ed è la nuova supercar ibrida a motore centrale realmente orientata al guidatore dell’Aston Martin, una vettura destinata ad ampliare il portafoglio di modelli per riflettere la presenza di Aston Martin in Formula Uno, definire standard di prima categoria in fatto di prestazioni, dinamica e piacere di guida, e trainare il passaggio da combustione interna a propulsori ibridi completamente elettrici. Con telaio, aerodinamica ed elettronica nati dall’esperienza maturata in Formula Uno, oltre a un motopropulsore ibrido con tecnologia di ultima generazione, Valhalla è un formidabile gioiello tecnologico. Anziché disorientare il guidatore con un'eccessiva complessità ingegneristica, l’unico obiettivo di Valhalla è quello di immergerlo in un’esperienza di guida in supercar completamente rinnovata. Una vettura che porta entusiasmo, piacere e coinvolgimento del guidatore senza precedenti ai massimi livelli del settore supercar. 

Attraverso un controllo di precisione, livelli spettacolari di deportanza e un connubio mozzafiato di coppia istantanea a batteria e l’intensità di un motore V8 sfavillante, Valhalla fa convergere emozioni pure ed efficienza ibrida, all’insegna di una nuova era. Un’era caratterizzata da nuovi approcci e aspettative: le supercar di oggi non soltanto offrono un look da capogiro e una guida entusiasmante, ma riflettono le tecnologie impiegate nei massimi livelli degli sport da corsa. In tutto questo, Valhalla è in prima linea; un’auto da corsa Aston Martin autentica e di nuova generazione, progettata attorno al guidatore, per il guidatore, costruita per dare piacere.   

Valhalla preannuncia una nuova fase per Aston Martin. Con un motopropulsore elettrico a benzina/batteria da 950 CV a motore centrale, una nuova struttura in fibra di carbonio e aerodinamica modellata seconda la filosofia pionieristica già vista nella rivoluzionaria Aston Martin Valkyrie, Valhalla raggiungerà l’equilibrio perfetto tra prestazioni da hypercar e motopropulsore avanzato, dinamica di guida e materiali dal design unico e sofisticato, riscrivendo per davvero il settore delle supercar. 

Nel cuore di Valhalla pulsa il nuovissimo motopropulsore PHEV, dotato di tre motori: il principale è un motore V8 twin turbo su misura da 4,0 litri montato in posizione centrale-posteriore. È il motore V8 più avanzato, reattivo e potente mai montato su una Aston Martin e vanta un albero motore piatto per una maggiore reattività. Raggiungendo i 7200 giri/min. fino a 760 CV, invia la trazione esclusivamente all’assale posteriore. Dotata di un sistema di scarico leggerissimo con flap attivi per una sonorità adattabile caratteristica di Aston Martin, presenta anche marmitte con uscita superiore per massimizzare l’impatto visivo e acustico. 

A supporto del nuovo motore V8 è presente un impianto ibrido a batterie da 150kW/400V che sfrutta una coppia di motori elettrici, montati uno sull’assale anteriore e uno su quello posteriore. L’impianto elettrico aggiunge ulteriori 206 CV per una potenza combinata complessiva di 963 CV. Quando viene guidata in modalità elettrica, la carica della batteria viene diretta esclusivamente verso l’assale anteriore. Nelle altre modalità di guida, la carica della batteria è suddivisa sugli assali anteriore e posteriore, e la quota inviata a ciascuno di essi varia di continuo in base alle esigenze di guida. In alcune situazioni è possibile inviare il 100% della carica della batteria all’assale posteriore, integrando la piena potenza del motore V8 ICE per ottenere il massimo delle prestazioni.

Il motopropulsore è completato da una nuovissima trasmissione DCT a 8 rapporti. Progettato e costruito in esclusiva per Aston Martin, questo nuovo cambio a palette è stato sviluppato appositamente per l’era dell’ibrido. È dotato di retromarcia elettrica (che sfrutta i motori elettrici del PHEV, risparmiando peso ed evitando così il ricorso alla retromarcia tradizionale) e presenta un differenziale elettronico a slittamento limitato (E-Diff) sull'assale posteriore, massimizzando trazione e agilità di controllo.

L’alimentazione elettrica viene usata anche per migliorare il controllo e la risposta a basse velocità, e per offrire prestazioni in retromarcia. Inoltre, grazie alla coppia istantanea dei motori elettrici, il sistema ibrido potenzia il motore V8 per offrire un’accelerazione in partenza da fermi e una risposta del cambio sensazionali. Le prestazioni indiscusse sono ulteriormente favorite dal motore elettrico e dal motore V8 ICE, in grado di selezionare in simultanea marce diverse nel DCT, permettendo una coppia massima di 1000 Nm.

Se si attiva esclusivamente la modalità elettrica, Valhalla raggiunge una velocità massima di 80 mph/130 km/h e ha un’autonomia a zero emissioni di 15 km. La CO2 prevista (WLTP) resta al di sotto dei 200 g/km. Quando sprigiona tutti i suoi 963 CV, Valhalla raggiunge una velocità massima di 217 mph/330 km/h e passa da 0 a 100 km/h in appena 2,5 secondi. In quanto a prestazioni racing, si punta a uno stupefacente lap time di 6:300 sul Nürburgring Nordshleife.  Dal punto di vista della carrozzeria, Valhalla è stata costruita attorno a una nuova scocca in fibra di carbonio per ottenere la massima rigidità riducendo al minimo il peso. È dotata di sospensioni anteriori con asta di spinta in stile Formula Uno®, complete di molle e ammortizzatori montate a bordo che riducono la massa non sospesa e offrono una soluzione a pacchetto intelligente. Insieme al design multilink sul lato posteriore, Valhalla sfrutta unità molla e ammortizzatore adattivi Multimatic con frequenza di marcia regolabile per raggiungere prestazioni eccezionali su strada e su pista. Oltre a sospensioni più rigide, la modalità Track presenta un’altezza di marcia drasticamente ridotta per massimizzare la deportanza. All’altro capo della scala di velocità, il sistema di sollevamento dell'assale anteriore solleva il timone per un angolo di uscita migliorato sulle pendenze più scomode. 

contact-block-nl-105-105 Iscriviti a What's next? la newsletter di LeasePlan Italia per ricevere le ultime notizie sul mondo automotive e contenuti premium direttamente via email.

ISCRIVITI
Condividi questo
Pubblicato il 27 agosto 2021

27 agosto 2021
Condividi questo

Articoli correlati

Veicoli commercialiAuto aziendale: bene strumentale, uso personale o promiscuo 03 agosto - Tempo di lettura 4 minArrowRight
Veicoli commercialiNissan e-NV200: autonomia, dimensioni e accessori26 aprile - Tempo di lettura 5 minArrowRight
Veicoli commercialiTrasporti veloci e green, il business viaggia veloce con la Nissan e-NV200 elettrica19 marzo - Tempo di lettura 1 minArrowRight