Cambio Gomme Invernali 2020: date, sanzioni e obblighi

Tempo di lettura 3 minConducenti
Ogni anno bisogna preparare la propria auto per la stagione invernale per garantire l’aderenza ottimale del veicolo alla strada e rispettare le normative del Codice della Strada.
Condividi questo

Date, sanzioni e obblighi previsti per il cambio gomme invernali 2020

Per mettersi in regola ed evitare le sanzioni, rispettando gli obblighi di legge, esistono due soluzioni: catene da neve a bordo oppure pneumatici invernali

Ecco tutto quello che bisogna sapere sulla sostituzione delle gomme invernali 2020.

Cambio gomme invernali 2020: quali sono le date

Il cambio delle gomme invernali avviene in due date ufficiali, che per la stagione 2020/21 sono:

  • 15 novembre 2020 (catene, gomme invernali o all season omologate);
  • 15 aprile 2021 (pneumatici estivi o 4 stagioni).

Ovviamente esiste un mese di tolleranza, sia per il montaggio degli pneumatici da neve sia per la loro sostituzione a primavera. 

Quest’anno è possibile montare le gomme invernali a partire dal 15 ottobre 2020, dopodiché il 15 novembre scadrà il termine ultimo e in caso di irregolarità si rischiano le sanzioni previste dalla legge.

Gli pneumatici omologati per l’inverno potranno essere cambiati con le gomme estive, oppure con un modello all season, dal 15 aprile 2021, con la possibilità di usufruire di un periodo aggiuntivo per arrivare fino al 15 maggio 2021, dopodiché l’uso delle gomme da neve sarà invece vietato. 

Cambio gomme invernali 2020: le sanzioni previste dal CdS

In base alle norme del Codice della Strada, chi viene fermato alla guida di un autoveicolo sprovvisto dei dispositivi omologati per la circolazione invernale (pneumatici termici da neve omologati o catene a bordo) rischia di incorrere nelle sanzioni previste dalle legge.

Se l’infrazione viene rilevata nei centri urbani è possibile ricevere una multa da 41 a 168 euro, altrimenti se la violazione è accertata al di fuori dei centri abitati la multa può andare da 84 euro fino a 355 euro

Quando non è necessario il cambio degli pneumatici invernali

La sostituzione degli pneumatici estivi con le gomme invernali, oppure l’equipaggiamento del veicolo con le catene da neve, è un’operazione obbligatoria per tutti gli autoveicoli, compresi tir e mezzi pesanti.

L’unica eccezione riguarda gli automobilisti che hanno montato sui loro veicoli delle gomme 4 stagioni. In questo caso gli pneumatici all season devono essere omologati per l’utilizzo invernale, quindi devono presentare la sigla M+S o una delle varianti (MS, M-S o M&S), oppure avere il pittogramma della montagna con tre cime e il fiocco di neve al suo interno.

Quali vantaggi offrono le gomme invernali

L’utilizzo degli pneumatici invernali garantisce:

  • maggiore sicurezza stradale, per avere la massima aderenza anche sui fondi ghiacciati e innevati;
  • prestazioni ottimali quando le temperature scendono al di sotto dei 7 gradi centigradi, sia per quanto riguarda il grip stradale sia per mantenere elevata l’efficienza energetica, con il contenimento dei consumi durante tutta la stagione invernale;
  • riduzione delle emissioni inquinanti, evitando un’usura eccessiva degli pneumatici in inverno, fornendo anche un alto comfort all’interno del veicolo diminuendo la rumorosità e le vibrazioni causate dal manto stradale.

Gomme invernali: quali sono i modelli omologati

La scelta degli pneumatici invernali deve rispettare alcuni requisiti, affinché le gomme siano in regola con le normative:

  • lo spessore minimo del battistrada non deve scendere al di sotto di 1,6 mm, tuttavia è consigliabile cambiare gli pneumatici quando l’altezza dei tasselli raggiunge i 3/4 mm, per garantire le massime prestazioni possibili e un’efficienza elevata;
  • le gomme devono avere la marcatura M+S (Mud and Snow, ovvero fango e neve), oppure il disegno stilizzato della montagna con il fiocco di neve (3PMSF – 3 Peak Mountain Snowflake), una certificazione che assicura performance ottimali anche in condizioni severe.
  • bisogna rispettare i parametri indicati nel libretto di circolazione (oggi diventato documento unico di circolazione o DUC), in merito all’indice di carico, al codice di velocità e alle dimensioni del pneumatico. Rispetto alle gomme estive quelle invernali possono presentare un indice di velocità inferiore di una classe, ad ogni modo mai al di sotto di Q (160 Km/h).

Sostituzione gomme invernali per le auto a noleggio

I conducenti che hanno scelto il noleggio a lungo termine dell’auto devono anch’essi effettuare il cambio delle gomme invernali, un servizio che può essere incluso all’interno del canone di noleggio. In questo caso basta prenotare un appuntamento presso un’officina convenzionata, per far eseguire l’intervento e montare gli pneumatici da neve.

Qualora non fosse compreso nel canone è opportuno valutare la possibilità di integrarlo nel contratto, in questo modo è possibile agevolare la sostituzione stagionale delle gomme e usufruire dei vantaggi offerti dalla rete di centri specializzati proposti dalla società di autonoleggio.

Desideri informazioni su LeasePlan Italia? Clicca qui

Condividi questo
Pubblicato il 14 gennaio 2020

14 gennaio 2020
Condividi questo

Articoli correlati

Veicoli commercialiAuto aziendale: bene strumentale, uso personale o promiscuo 03 agosto - Tempo di lettura 4 minArrowRight
Veicoli commercialiNissan e-NV200: autonomia, dimensioni e accessori26 aprile - Tempo di lettura 5 minArrowRight
Veicoli commercialiTrasporti veloci e green, il business viaggia veloce con la Nissan e-NV200 elettrica19 marzo - Tempo di lettura 1 minArrowRight