Bollo auto elettriche: si paga o no?

11 novembre 2019

Guida al bollo auto dei veicoli elettrici

Una delle tasse meno amate dagli automobilisti è sicuramente il bollo auto, l’imposta obbligatoria per il possesso di un veicolo a motore. A meno che si disponga di una vettura a noleggio, con la quale la tassa di proprietà è inclusa all’interno del canone mensile, ogni anno è necessario pagare questa pendenza presso gli uffici dell’ACI, tuttavia esistono dei vantaggi per le macchine ecologiche.

Ecco ciò che c’è da sapere sul bollo auto dei veicoli elettrici, una guida completa per conoscere tutte le agevolazioni regionali presenti in Italia.

Le auto elettriche pagano il bollo?

Il bollo auto è una tassa obbligatoria, dovuta per il possesso di qualsiasi tipo di veicolo a motore, quindi non strettamente legata alla circolazione del veicolo. Ciò significa che tutti i proprietari devono pagare tale imposta, anche se il mezzo rimane in garage e non viene usato in strada. Fatta questa breve precisazione vediamo come funziona il bollo auto per i veicoli elettrici. Le auto ecologiche godono di una serie di agevolazioni, poiché si tratta di vetture a emissioni zero o comunque ridotte.

Una delle misure più apprezzate sono gli incentivi per l’acquisto, che permettono di ottenere fino a 6 mila euro, tuttavia le auto elettriche pagano il bollo, nonostante sia in fase di studio un provvedimento che potrebbe introdurre presto una riduzione o un’esenzione totale a livello nazionale. Per il momento gli sgravi fiscali sono lasciati all’autonomia regionale, quindi ogni amministrazione locale applica delle agevolazioni sul bollo auto delle macchine elettriche e ibride, con sconti o esenzioni totali.

Esenzioni bollo auto elettriche: tutte le agevolazioni

Lazio

Iniziamo il giro delle agevolazioni regionali per il bollo auto sulle macchine elettriche partendo dal Lazio, dove dal 2014 è prevista l’esenzione totale per 5 anni dalla data dell’immatricolazione. Questa misura riguarda non solo i veicoli elettrici, ma anche quelli a idrogeno e ibridi.

Veneto

Stesso provvedimento anche in Veneto, dove per 5 anni i proprietari di veicoli elettrici non pagano il bollo auto. Inoltre, a integrazione delle misure adottate dall’amministrazione regionale del Lazio, c’è un’ulteriore esenzione dal bollo di 3 anni, valida per le vetture ibride con motorizzazione elettrica e diesel.

Piemonte

In Piemonte l’agevolazione è ugualmente fino a 5 anni, ma è applicata soltanto per le auto completamente elettriche, mentre per le macchine ibride solo se con potenza pari o inferiore a 100 kW. In questo caso viene considerata l’esenzione del bollo per il propulsore elettrico, mentre bisogna pagare l’imposta sulla potenza del motore termico.

Lombardia

In Lombardia si può beneficiare di uno sgravio del 50% per 5 anni, se si possiede un’auto ibrida plug-in, mentre sulle macchine elettriche e a idrogeno esiste l’esenzione permanente dal bollo auto. Un’esclusione è prevista anche per chi acquista una vettura Euro 6 a benzina, per evitare di pagare il bollo per i primi 3 anni.

Bolzano e Trento

La provincia autonoma Bolzano mette a disposizione un’esenzione fino a 5 anni per le auto elettriche, dopodiché bisogna pagare il bollo auto in forma ridotta, con un importo pari al 25% del valore totale, mentre per i veicoli ibridi l’agevolazione ha una durata di 3 anni. Nella provincia autonoma di Trento la misura è quinquennale e riguarda tutte le vetture ecologiche, elettriche, ibride e a idrogeno.

Valle d'Aosta

Nella regione autonoma della Valle d’Aosta, i possessori di auto elettriche non devono pagare il bollo per i primi 5 anni a partire dalla data di immatricolazione. Per i veicoli a idrogeno e ibridi, invece, è prevista un’agevolazione per i primi 3 anni, poi si dovrà versare la tassa in maniera integrale.

Friuli-Venezia-Giulia

Chi risiede in Friuli-Venezia Giulia può beneficiare dell’esenzione dal bollo auto per 5 anni, purché proprietario di una macchina elettrico oppure di un ciclomotore a due o tre ruote a zero emissioni, in seguito viene applicata la tariffazione prevista dalle normative nazionali.

Emilia-Romagna

L’amministrazione regionale dell’Emilia-Romagna offre un’agevolazione per i possessori di auto ibride, i quali non devono versare il bollo auto per un periodo iniziale di 2 anni. Per le vetture full electric l’esclusione dal pagamento arriva fino a 5 anni, poi l’imposta è ridotta al 25% del valore integrale.

Liguria

La Regione Liguria propone fino a 5 anni di esenzione dal bollo auto, una misura che viene applicata a tutte le auto ecologiche. In questo caso rientrano nell’iniziativa le macchine elettriche e ibride, nelle configurazioni elettrica/benzina, elettrica/gasolio e benzina/idrogeno.

Toscana

Anche la Toscana si è adeguata alle indicazioni nazionali, perciò offre un’esenzione per i possessori di vetture elettriche e ibride, per una durata complessiva di 5 anni. Dopo tale periodo viene richiesto il pagamento del bollo auto in forma ridotta, nello specifico diminuito a 1/4, agevolazione che riguarda macchine elettriche, ibride e a gas.

Marche

Un’esclusione importante è presente anche nelle Marche, dove l’amministrazione locale ha sancito l’esenzione dal bollo auto per il primo quinquennio, a partire dalla data di immatricolazione della vettura. Rimangono esclusi dall’agevolazione le auto dotate di motore benzina/GPL e benzina/metano, mentre dopo i 5 anni lo sconto per i veicoli ecologici è del 75%.

Abruzzo

Con la Legge Regionale n. 1 del 29 gennaio 2019 l’Abruzzo prevede un’esenzione del bollo auto per 3 anni, rivolta ai titolari di vetture elettriche e ibride, con alimentazione benzina/elettrica. Rientrano nel provvedimento le macchine immatricolate dal primo gennaio 2019 fino a dicembre del 2020, qualora si risulti residenti all’interno dei confini regionali.

Umbria

Chi vive e risiede in Umbria può usufruire di speciali agevolazioni per le auto ecologiche, infatti per chi acquista una macchina elettrica l’esenzione è di 5 anni, per poi pagare alla scadenza di tale periodo una tassa automobilistica agevolata, di valore pari al 25% del totale.

Molise

Anche il Molise si è allineato con le indicazioni nazionali, mettendo a disposizione dei cittadini l’esenzione dal bollo auto per i primi 60 mesi, prevedendo in seguito un pagamento ridotto al 25%, misura che coinvolge le macchine elettriche, ibride oppure con alimentazione esclusiva GPL o metano.

Puglia

La Puglia aderisce alle politiche di agevolazioni per le auto elettriche, fornendo la possibilità di beneficiare dell’esenzione per il bollo auto, misura che comprende i veicoli immatricolati a partire dal primo gennaio 2014. I proprietari di vetture elettriche e ibride non pagheranno l’imposta, per un periodo fino a 5 anni, dopodiché la tassa sarò pari a 1/4 dell’importo.

Basilicata

Chi risiede nella Regione Basilicata non dovrà pagare il bollo auto qualora acquisti una vettura ecologica. Fanno parte dell’esenzione di 5 anni le auto elettriche, ibride benzina/elettriche e le macchine ad alimentazione esclusiva GPL e metano.

Campania

Anche la Campania propone incentivi e agevolazioni per le macchine a zero o basse emissioni. In particolare, è prevista un’esenzione per il primo periodo fisso e due anni supplementari, provvedimento che interessa le auto con alimentazione elettrica, idrogeno/benzina e ibrida benzina/elettrica.

Calabria

La Calabria offre ai cittadini residenti la possibilità di non pagare il bollo auto, per una durata complessiva di 5 anni. Queste agevolazioni coinvolgono le vetture elettriche ed esclusivamente con alimentazione a metano o GPL.

Sardegna

La tassa automobilistica in Sardegna propone delle misure di agevolazione per le macchine green. Nello specifico i proprietari di auto elettriche sono esenti per i primi 5 anni, a partire dalla data di immatricolazione, dopodiché è previsto un pagamento in forma ridotta pari al 25%.

Sicilia

Niente bollo auto per i veicoli elettrici anche per la Sicilia, come sancito dalla Legge di Stabilità approvata a inizio 2019 dalla Regione. Le vetture immatricolate dal primo gennaio 2019 fino al 31 dicembre 2021 non saranno soggette alla tassazione, grazie ad un periodo di esenzione fino a 5 anni, mentre dal sesto anno il pagamento dovrà essere effettuato secondo la formula agevolata con sconto del 75%.

Bollo auto sui veicoli elettrici: quanto si paga dopo 5 anni?

Come abbiamo visto molte regioni offrono l’esenzione o la riduzione del bollo auto, per un periodo compreso fra 36 e 60 mesi. Dopo 5 anni, i titolari di auto elettriche continuano a usufruire di alcune agevolazioni, a seconda delle misure applicate dalle amministrazioni regionali, tra cui esenzioni permanenti come in Lombardia, oppure sconti fino al 75% come nel Lazio. Per maggiori informazioni consigliamo di visitare il sito web della propria regione, poiché le normative possono cambiare con frequenza.

In alternativa è possibile evitare tutta questa burocrazia, optando per il noleggio a lungo termine di auto elettriche. In questo modo, anche laddove è previsto il pagamento del bollo auto, si può delegare la gestione delle pendenze alla società di autonoleggio, per guidare una macchina ecologia senza preoccupazioni, grazie a un servizio tutto compreso che include il bollo, l’assicurazione e la manutenzione del veicolo elettrico o ibrido.

Desideri informazioni su LeasePlan Italia? Clicca qui