GoingAbroad: l'APP della Commissione Europea per viaggiare in sicurezza all'estero

12 luglio 2018

Con l’arrivo dell’estate milioni di italiani si preparano a partire per le vacanze, chi diretto verso le mete di villeggiatura al mare nel Sud del Paese, chi invece in cerca di un po’ di fresco nelle località montane dell’entroterra. Allo stesso tempo, come ogni anno migliaia di persone decidono di trascorrere le ferie estive all’estero, recandosi con la propria auto o con una macchina a noleggio nei vicini Paesi della UE.

Viaggiare in auto all’interno dell’Unione Europea è diventata ormai un’abitudine per molti italiani, tuttavia prima di partire è buona regola controllare sempre le norme stradali vigenti nel Paese di arrivo e in quelli di transito. Nonostante la spinta verso l’introduzione di un Codice della Strada europeo, condiviso da tutti i Paesi membri della UE, attualmente le normative stradali sono piuttosto differenti una dall’altra.

A parte poche regole valide in tutti i Paesi, nella maggior parte dei casi le leggi di sicurezza stradale differiscono in ogni Stato europeo. Per viaggiare in sicurezza all’estero è possibile consultare il sito ufficiale dell’Unione Europea, oppure scaricare l’APP gratuita GoingAbroad, un applicativo dove si possono visionare le normative stradali relative a tutti i singoli Stati dell’Europa.

sicurezzastradaleeuropa

La sicurezza stradale in Europa: cos’è e come funziona

L’Unione Europea promuove da anni campagne sulla sicurezza stradale volte a ridurre gli incidenti che avvengono sulle strade europee, per cercare di diminuire il numero di decessi e di feriti grazie a una maggiore consapevolezza alla guida. Per questo motivo la UE mette a disposizione di tutti i cittadini europei GoingAbroad, un’APP sulla sicurezza stradale compatibile con tutti i dispositivi mobili Android, iOS e Windows Phone.

All’interno offre un database completo con tutte le principali regole del Codice della Strada di ogni Paese UE. In questo modo è possibile verificare prima della partenza importanti informazioni stradali, tra cui:

  • i limiti di velocità
  • le regole sulle cinture di sicurezza
  • i tassi di alcolemia consentiti
  • le norme contro l’uso degli stupefacenti alla guida
  • le regole sull’utilizzo del cellulare
  • le indicazioni sulle corsie vietate e sul transito
  • la normativa sull’uso del casco in moto

Nell’APP sono contenute le regole del Codice della Strada di tutti i Paesi europei, tra cui la Germania, la Svezia, la Finlandia, la Francia, la Spagna, il Portogallo, il Regno Unito, l’Austria, la Slovenia, la Croazia, il Belgio, i Paesi Bassi, la Repubblica Ceca, l’Ungheria, la Slovacchia, la Romania, la Bulgaria, la Grecia, Cipro, Malta, la Lituania, l’Estonia, la Lettonia, la Polonia e ovviamente l’Italia.

I limiti di velocità nei principali Paesi europei

Grazie all’APP GoingAbroad è possibile scoprire i diversi limiti di velocità previsti in Europa.

Ad esempio, i limiti di velocità in Germania sono di 50 Km/h sulle strade urbane e di 100 Km/h su quelle extraurbane, mentre nelle autostrade bisogna prestare attenzione ai valori riportati dalla segnaletica stradale, che in alcuni punti come noto avvisa della mancanza dei limiti di velocità.

I limiti di velocità in Francia sono di 50 Km/h sulle strade urbane, di 90 Km/h su quelle extraurbane oppure di 80 Km/h in caso di pioggia e strada bagnata, mentre sulle autostrade si può viaggiare fino a 130 Km/h e sulle superstrade fino a 110 Km/h.

In Austria i limiti di velocità sono simili a quelli previsti nel nostro Paese, con 50 Km/h in città, 100 Km/h sulle strade extraurbane e 130 Km/h nelle autostrade.

I limiti di velocità in Spagna sono leggermente più rigidi. Rimane invariato il limite dei 50 Km/h sulle strade urbane, mentre su quelle extraurbane è necessario differenziare le strade con una corsia di emergenza da quelle che ne sono sprovviste. Nel primo caso il limite è di 80 Km/h in presenza di una sola corsia di emergenza, invece nelle strade extraurbane senza corsia di emergenza la velocità massima consentita è di 70 Km/h. Sulle autostrade spagnole il limite è fissato a 80 Km/h per le superstrade e 90 Km/h per le autostrade.

Le norme stradali all’interno dell’Unione Europea

Oltre ai limiti di velocità, tramite l’APP GoingAbroad oppure visitando direttamente il sito ufficiale dell’Unione Europea, è possibile verificare tutte le norme stradali di ogni singolo Paese europeo. Si tratta di informazioni estremamente importanti, sia per la sicurezza a bordo che per evitare di incorrere in sanzioni e multe salate. Tuttavia, esistono delle norme uguali in tutti gli Stati membri della UE, tra cui quelle che riguardano l’obbligo delle cinture di sicurezza e il divieto dell’utilizzo del cellulare durante la guida.

Invece differiscono quasi tutte le altre leggi stradali, come ad esempio quelle relative al tasso alcolico del guidatore e all’obbligo dei penumatici invernali. Per quanto riguarda la presenza di alcol nel sangue la maggior parte dei Paesi ha delle tolleranze inferiori rispetto all’Italia, dove il Codice della Strada fissa a 0,5 g/l il limite oltre il quale si applicano le sanzioni, con l’esclusione dei guidatori professionali e dei neopatentati per i quali è valida la tolleranza zero.

Limiti simili sono previsti dalla Francia, 0,5 g/l per i conducenti standard e 0,2 g/l per i neopatentati, dalla Danimarca, 0,5 g/l per tutti, dall’Austria, meno di 0,5 g/l con ritiro della patente al di sopra di 0,8 g/l e 0,1 g/l per i neopatentati e i conducenti professionali e dalla Slovenia, 0,5 g/l e tolleranza zero per i guidatori professionali e i neopatentati.

Invece alcuni Paesi europei non ammettono nessun livello di alcol nel sangue, perciò quando si viaggia in macchina in questi Stati bisogna fare particolare attenzione. Si tratta ad esempio di molti Paesi dell’Est Europa, tra cui la Romania, la Bulgaria, l’Ungheria, la Slovacchia e la Repubblica Ceca.

Decisamente severi ma leggermente permissivi sono invece la Svezia, la Norvegia e la Polonia, dove vale il limite di 0,2 g/l per tutti i conducenti indistintamente.

La nazione più permissiva è Cipro, dove le sanzioni per il tasso alcolico nel sangue scattano soltanto con valori superiori a 0,8 g/l per tutti i guidatori, compresi i neopatentati e i conducenti professionali.

Prima di viaggiare all’estero è importante controllare anche le norme sui dispositivi di sicurezza, perché se fermati dalla Polizia Stradale per un controllo si potrebbe andare incontro a brutte sorprese. Ad esempio, l’estintore a bordo è obbligatorio in molti Paesi europei, tra cui la Romania, il Belgio, la Grecia, la Bulgaria, la Polonia e la Lituania. Allo stesso modo bisogna avere sempre con sé un kit di pronto soccorso per viaggiare in auto in Estonia, Bulgaria, Repubblica Ceca e Slovacchia, mentre a Cipro è necessario disporre di due triangoli di emergenza e in Estonia bisogna collocare due blocchi sotto le ruote in caso di guasto in strada.

Desideri informazioni su LeasePlan Italia? Clicca qui