Scatola nera e auto aziendali: sempre più sicurezza per le PMI

12 settembre 2018

Nel settore automobilistico la maggior parte dei cambiamenti è trainato dai veicoli aziendali, sia per quanto riguarda l’innovazione tecnologica che la trasformazione della mobilità verso l’utilizzo delle auto ibride ed elettriche. In particolare, le auto delle flotte aziendali sono sempre più tecnologiche, con una richiesta in netta crescita di servizi telematici di ultima generazione.

Questo è quanto emerge dallo studio La telematica sale a bordo delle auto aziendali, condotto dall’Osservatorio Top Thousand in collaborazione con Sumo Publishing insieme ai fleet & mobility manager delle principali aziende nazionali. Il report ha analizzato soprattutto le flotte aziendali medio piccole delle PMI, per capire quanto la tecnologia legata alla telematica sia ormai divenuta una realtà a tutti i livelli.

scatolanera

Scatola nera sulle auto: tecnologia in forte crescita grazie alle società di autonoleggio

Secondo lo studio dell’Osservatorio Top Thousand, attualmente oltre 15 mila veicoli aziendali sono equipaggiati con la scatola nera, un sistema innovativo che permette di monitorare costantemente le vetture, ottenendo informazioni preziose. Si tratta di numeri importanti, che rappresentano oltre il 60% del parco mezzi in dotazione alle aziende, tuttavia è necessario fare qualche precisazione.

Mentre le grandi imprese sono coinvolte direttamente nella scelta di adottare questo tipo di tecnologia, attraverso contratti con le aziende produttrici di tali sistemi, le PMI si affidano principalmente alle società di noleggio a lungo termine. Quest’ultime infatti offrono le scatole nere per i veicoli aziendali come dotazione di serie sulla maggior parte delle vetture, facilitando la diffusione della telematica anche tra le piccole e medie imprese.

Allo stesso tempo, questa pratica sta facendo conoscere i numerosi vantaggi della telematica a un numero sempre più ampio di aziende, tra cui oltre il 57% afferma che implementerà questa tecnologia sui propri veicoli aziendali. Un successo assoluto quindi la telematica sulle auto aziendali, in grado di offrire innumerevoli vantaggi sia per quanto riguarda il fleet management, sia per la gestione di situazioni critiche, come furti, incidenti e interventi di manutenzione.

Scatola nera per auto aziendali: quali funzionalità sono apprezzate da fleet manager e guidatori?

L’installazione della scatola nera nei veicoli aziendali consente di ricavare informazioni importantissime sulla guida e sull’auto stessa, monitorando 24 ore su 24 la macchina per ottenere dati sulla manutenzione, lo stile di guida e i consumi. Inoltre, permette di gestire i sinistri e le appropriazioni indebite, garantendo un elevato standard di sicurezza stradale per i mezzi e l’incolumità dei dipendenti.

Secondo la ricerca effettuata dell’Osservatorio Top Thousand, il 25% dei fleet & mobility manager delle piccole e medie aziende è interessato alla funzionalità della scatola nera che consente di verificare e monitorare gli interventi di manutenzione. Attraverso degli alert diagnostici è possibile capire in anticipo quando l’auto necessita di un controllo, riducendo sensibilmente i guasti durante la guida e ottimizzando l’efficienza del servizio.

Il 23% degli intervistati invece vuole adottare i servizi di telematica offerti dalle scatole nere per analizzare lo stile di guida dei conducenti. In questo modo si possono avere a disposizione informazioni relative ai consumi, alle accelerazioni e alle frenate, per ridurre le emissioni dei veicoli delle flotte delle PMI e migliorare allo stesso tempo anche la sicurezza alla guida.

Per il 18% dei fleet manager la scatola nera è una soluzione interessante per la diagnostica in tempo reale, per l’11% per i sistemi di riconoscimento del guidatore. Molto positiva anche la risposta dei conducenti al problema della privacy, non considerata più un disagio da oltre il 50% dei guidatori di veicoli aziendali.

Prospettive future per la diffusione dei sistemi di telematica nelle flotte aziendali

La telematica e la scatola nera sono ormai tecnologie ampiamente diffuse nelle auto delle flotte aziendali. Tuttavia, se le grandi aziende sono in grado di gestire autonomamente **l’enorme mole di dati **che questi sistemi generano, le piccole e le medie imprese hanno bisogno di affidarsi a società esterne. La scelta preferita è quella di appoggiarsi alle aziende di noleggio a lungo termine, che offrono pacchetti tutto compreso che includono l’installazione della black-box e la gestione delle rilevazioni.

Un altro aspetto importante riguarda invece le finalità. Se le PMI apprezzano soprattutto i report diagnostici e le informazioni sullo stile di guida, per abbattere i costi di mantenimento e migliorare la sicurezza delle auto aziendali, le grandi imprese sono maggiormente interessate alla gestione della logistica, della flotta aziendale e al controllo delle emissioni inquinanti. La presa di coscienza da parte dei fleet manager dell’importanza dei servizi di telematica è comunque un fattore cruciale per le imprese.

Si tratta di una realtà già consolidata all’estero, ma che negli ultimi anni ha cominciato finalmente a diffondersi anche in Italia. In quest’ottica, la sinergia tra aziende e imprese di autonoleggio è fondamentale, poiché senza queste ultime la maggior parte delle piccole e medie aziende non sarebbe in grado di gestire tali sistemi. Vero punto di forza sono i servizi personalizzati offerti dalle società di noleggio a lungo termine, che mettono a disposizione pacchetti differenti in base alle esigenze delle imprese.

Esternalizzare tali servizi non solo consente alle aziende di concentrarsi sulle proprie attività, ma supporta l’innovazione tecnologica per migliorare l’efficienza delle flotte aziendali e quindi i costi operativi delle imprese. In questo modo è possibile liberare fondi per gli investimenti in ricerca e sviluppo, attraverso un ciclo virtuoso positivo per l’intera economia del Paese. La telematica è ormai un aspetto imprescindibile nei veicoli delle flotte aziendali, ma la strada da seguire è ancora lunga ed esiste un ampio margine di crescita per il settore nei prossimi anni.

Desideri informazioni su LeasePlan Italia? Clicca qui